Diritto di famiglia

Il Diritto di Famiglia si occupa di settori rilevanti che riguardano i complessi rapporti giuridici tra le persone. Rientrano in questa parte del Codice Civile settori rilevanti dedicati alla Comunione Legale e regimi convenzionali, ai regimi patrimoniali tra coniugi, all'autonomia negoziale nella crisi coniugale, all'esercizio della potestà genitoriale, all'amministrazione ed alla rappresentanza dei figli da parte dei genitori nonché al fenomeno delle convivenze o famiglie di fatto.

Nello stesso Libro, Primo il Codice Civile, ci si occupa delle persone in quanto soggetti di diritto. Si tratta della capacità giuridica quale attitudine dell'uomo ad essere titolare di diritti e di doveri. La capacità di agire invece è la capacità del soggetto di compiere atti giuridici attraverso i quali acquistare diritti ed assumere doveri.

Amministrazione di Sostegno

Per una persona che, a causa di una patologia o di una menomazione fisica o mentale, non è più in grado del tutto o parzialmente di provvedere ai propri interessi, il Giudice Tutelare può nominare, a seguito del ricorso presentato da uno dei soggetti indicati dalla norma, un Amministratore di Sostegno scelto tra le persone designate dello stesso beneficiario, se in grado di farlo, o tra i soggetti designati dal legislatore.

Ricorso per la nomina dell'Amministratore di Sostegno

Il ricorso per la nomina di amministratore di sostegno deve indicare le generalità del beneficiario, le generalità del coniuge degli ascendenti e discendenti, dei fratelli e degli eventuali conviventi del beneficiario, le motivazioni per cui si richiede la nomina di un amministratore di sostegno. Nel ricorso vanno elencati i poteri da conferire all’amministratore di sostegno.

Il decreto di nomina dell’amministratore di sostegno emesso da giudice conterrà, oltre ai dati anagrafici del beneficiario e dell’amministratore di sostegno nominato, la durata dell’incarico e l’elenco degli atti di ordinaria amministrazione che l’amministratore di sostegno può compiere, diversi da quelli di straordinaria amministrazione per i quali serve in ogni caso la specifica autorizzazione del Giudice Tutelare o del Tribunale.

Share by: